2806Dispositivi portatili e reti globali, quale futuro?

Negli ultimi anni, il numero dei dispositivi portatili, con il relativo traffico dei dati, ha subito un'impennata notevole nel mercato, frutto di una rapida evoluzione tecnologica nel settore e di una produzione divenuta negli anni quanto mai piu' serrata. Un dato di fatto che offre lo spunto per studiare in che modo stanno cambiando i trend e a quali sviluppi di mercato porteranno nel prossimo futuro. Attraverso questo articolo, ripercorriamo uno studio realizzato da Cisco Visual Networking Index che ne ha monitorato i dati, facendo emergere l'impatto che questo tipo di traffico potra' avere, negli anni a seguire, sulla rete globale.

2506La rete mobile nel 2012

Iniziamo subito con l'analizzare quanto successo lo scorso anno, per comprendere meglio in che percentuale stia crescendo l'utilizzo dei dispositivi portatili. Bene, nel 2012 il traffico
della rete mobile ha raggiunto gli 885 petabyte al mese (885 biliardi di byte), decisamente in crescita rispetto ai 520 petabyte al mese del 2011, e quasi dodici volte superiore rispetto al valore di 75 petabyte al mese registrato nel 2000. Di pari passo, anche la velocita' di connessione del 2012 ha raggiunto valori pari al doppio rispetto all'anno precedente, passando in media dai 1.211 ai 2.064 kbps per gli smartphone, e dai 2.030 ai 3.683 kbps per i tablet. Per non parlare dei 161 milioni di computer portatili utilizzati lo scorso anno, che hanno generato un traffico medio per ciascuno di 2,5 GB al mese. Tutti dati, questi, che denotano dei mercati in crescita; non a caso l'utilizzo medio degli stessi smartphone, ad esempio, e' cresciuto dell'81% nel solo 2012.

2106La rete mobile fino al 2017

Sulla scorta di tutti i valori analizzati, Cisco ha prospettato il futuro dei prossimi cinque anni stilando, per punti, alcune tra le diverse mete che interesseranno l'evoluzione tecnologica a venire.
Il traffico dati globale dei dispositivi portatili superera' i 10 exabyte nel 2017 (1 exabyte destinato solo ai tablet), aumentando di 13 volte in cinque anni. Il numero dei dispositivi connessi alla rete superera' l'intera popolazione mondiale nel 2013. – L' utilizzo sempre crescente dei cellulari intelligenti, consentira' agli smartphone di superare il 50% del traffico dati nel 2013. La velocita' media di connessione mobile superera' il Mbps nel 2014.
In pochi anni, dunque, si raggiungeranno livelli elevati, destinati a riscrivere i numeri che oggi caratterizzano il mercato. Nel 2017, ad esempio, una connessione 4G potra' generare un traffico otto volte superiore, in media, rispetto ad una connessione che non sia 4G. Non solo, fra 5 anni, i due terzi dell'intero traffico sara' caratterizzato dalla trasmissione video, aumentando di fatto addirittura di 16 volte dal 2012 al 2017. Ma andiamo ad analizzare alcuni dei punti sui quali si e' concentrata la ricerca e lo studio di Cisco.

2506Futura frammentazione dei dispositivi portatili

Basta osservare la figura 2 per comprendere in che modo i dispositivi portatili saranno responsabili della crescita del traffico mobile dei dati. Rispetto ad oggi, dove il mercato registra un traffico dati generato per lo piu' da computer portatili, entro i prossimi 5 anni la situazione vedra' uno scenario completamente diverso. Gli smartphone, infatti, prenderanno il sopravvento in via definitiva, generando
quasi il 70% della totalita' del traffico. A livello globale aumenteranno i dispositivi portatili, che potranno accedere alla rete e che segneranno un forte aumento del traffico dati; si presenteranno a questo mercato prodotti altamente tecnologici, in forme piu' diverse e maggiormente performanti rispetto ad oggi. Entro il 2017, infatti, e' prevista la presenza sul mercato di 8,6 miliardi di dispositivi mobile- ready e 1,7 miliardi di connessioni M2M. Numeri che fanno pensare ad una maggiore tracciabilita' dei dati che può dar luogo ad un sensibile miglioramento di diverse attivita' professionali, le quali potrebbero subire una vera e propria metamorfosi operativa. Basti pensare tra le altre al sistema sanitario, che disporra' di cartelle cliniche prontamente disponibili; e che dire dei trasporti, i cui sistemi GPS potrebbero raggiungere livelli fino ad oggi impensabili? La rete, dunque, registrera' un proliferare di attivita'; pensiamo, ad esempio, ai dispositivi non-smartphone, che nei prossimi anni subiranno complessivamente un calo deciso scendendo dalla soglia del 75% odierna ad un 50% nel 2017.

2106L'impatto sulla rete della connettivita' 4G

Quando si parla di traffico dati e' inevitabile toccare l'aspetto legato alla larghezza di banda, un argomento quanto mai importante legato alla gestione di un servizio in netto aumento. Quanto sono larghe le ‘autostrade' che
consentono tutto questo flusso di dati? Se da una parte, infatti, le applicazioni mobili registrano una vera e propria esplosione, dall'altra cresce la necessita' di ottimizzare la gestione della larghezza di banda. I fornitori dei servizi di tutto il mondo sono impegnati a sviluppare le reti 4G per far fronte alla crescente domanda di ampiezza di banda da parte degli utenti finali; necessita' che declina ulteriori aspetti dei quali tenere conto, come la maggiore velocita' di connettivita' in movimento e la maggiore sicurezza. Il grafico di Figura 3, relativo a tutti i dispositivi, riassume in modo significativo quali saranno i trend di collegamento dei prossimi anni. Se da una parte la connettivita' 2G disegnera' una parabola discendente, dall'altra rimarra' sensibile l'utilizzo della connettivita' 3G, mentre salira' al 10% la percentuale di tutti i dispositivi che fara' uso della connettivita' 4G entro il 2017. Una percentuale tale, quella del 4G, sufficiente a generare oltre il 45% del traffico globale, una crescita tale da portare con sé dei benefici alla rete, legati ad una maggiore sicurezza del traffico e ad una sensibile riduzione della latenza; non solo, contribuira' a colmare il divario tra le prestazioni di rete fissa e quelle della rete mobile.

2806Comunicazione tra dispositivi

La comunicazione cellulare tra apparati, macchine o sensori, ha portato inevitabilmente ad una crescita delle cosiddette connessioni M2M (machine to machine), il ‘dialogo' tra due o piu' dispositivi. Un aspetto importante, se pensiamo ad esempio ai collegamenti relativi alla sicurezza della casa o dell'ufficio, ai contatori intelligenti piuttosto che ai programmi di utilita' o manutenzione. Temi che si legano ai concetti di automazione piuttosto che domotica o building automation. E sono diversi i settori che beneficiano delle connessioni M2M e che negli anni hanno saputo incrementare i propri servizi grazie a questo ramo della tecnologia: il settore sanitario, ad esempio, ha registrato in tal senso un tasso di crescita media (CAGR) negli ultimi anni del 74%, seguito a ruota da quello automobilistico pari al 45%. Si stima che il traffico globale M2M aumentera' di 24 volte nei prossimi 5 anni, e potrebbe raggiungere, nel 2017, i 563 petabyte al mese, registrando di fatto il 5% dell'intero traffico mobile.

2106Trend di consumo

Con l'aumento costante dell'utilizzo di dispositivi come smartphone e tablet, l'attenzione viene rivolta naturalmente alle tendenze di consumo; uno studio fondamentale, utile soprattutto ai fornitori intenti a captare le esigenze degli utenti finali per canalizzare strategicamente nella giusta direzione i propri investimenti al fine di ottimizzare le prestazioni della rete e offrire, di conseguenza, il miglior servizio al cliente. Anche in questo caso, attraverso un monitoraggio completo dei dati, Cisco e' riuscita ad individuare gli aspetti chiave che esprimono nella loro interezza le esigenze odierne dei consumatori. e' emerso, ad esempio, che nel confrontare il consumo dei dati tramite WiFi e rete cellulare, la prima soluzione e' utilizzata nell'ordine di quattro volte superiore rispetto alla seconda. Tradotto in numeri, la media di consumo giornaliera di un dispositivo portatile
attraverso la rete WiFi e' di 55 MB, a dispetto dei 13 MB di utilizzo attraverso la rete cellulare. La scelta del Wi-Fi, infatti, al momento risulta essere la soluzione ottimale per rimanere entro i limiti dei piani tariffari. Nella tabella di seguito riportata, illustriamo in modo analitico la tipologia di traffico effettuato degli utenti e in quale percentuale incide nel computo del proprio consumo.

2806Metamorfosi dei mercati

A conclusione di questo articolo non resta che fare delle considerazioni a grandi linee sugli scenari ai quali il mercato andra' incontro. e' indubbio, la mobilita' ha dimostrato di essere in crescente trasformazione. La stessa richiesta di maggiori servizi e' in aumento così come la necessita' di una larghezza di banda adeguata allo sviluppo delle nuove tecnologie. Nonostante le incerte condizioni macroeconomiche in varie parti del mondo, la tecnologia tira dritto verso uno sviluppo incessante, dando spazio alla nascita di nuovi mercati. Emergono nuovi modelli di business e nascono nuove partnership strategiche. Gli stessi operatori, chiamati ad un'inversione di rotta, devono puntare ad aumentare gli investimenti infrastrutturali, in materia di qualita' e velocita', per fornire servizi sempre piu' innovativi e far fronte a quella domanda al momento non soddisfatta, ed in progressivo aumento, da parte dei consumatori. I prossimi anni, dunque, saranno cruciali per pianificare le future implementazioni delle reti al fine di mantenere un certo equilibrio tra le parti e ridurre maggiormente il divario tra domanda e offerta.

2506Il protocollo IPv6

Visto il momento abbastanza prolifico dei dispositivi di nuova generazione, per sostenere la domanda sempre crescente di connettivita' universale, il mondo delle telecomunicazioni ha individuato nell'IPv6 il protocollo successore dell'IPv4, riconoscendone i maggiori vantaggi di scalabilita'. Entro il 2017, infatti, ben il 41% dei dispositivi mobili sara' in grado di supportare il protocollo IPv6, un balzo notevole se pensiamo che oggi questo dato si attesta ad appena il 14%. Se concentriamo l'attenzione solo su alcuni di questi dispositivi, si prevede ad esempio che il 73% degli smartphone e dei tablet potrebbero essere in grado, entro 5 anni, di supportare l'IPv6. Lo stesso dicasi per i computer portatili che, gia' predisposti per questo protocollo, ne raggiungeranno una forte percentuale di utilizzo.

2806Tecnologie Adattive

Le tecnologie adattive sono tecnologie che modificano la loro configurazione e la loro interazione in base alle risposte degli utenti e all'ambiente in cui esse avvengono (Epasto, A. A., 2009). Le tecnologie adattive fanno riferimento alla cornice teorica indicata con l'espressione Ambient Intelligence e cioe' "intelligenza disposta intorno a noi". Tale espressione e' stata coniata da Emile Aarts, che prese spunto dagli studi e dalle teorie di Weiser e Norman.
Con tecnologie adattive s'intendono le tecnologie in grado di modificare automaticamente le caratteristiche dell'interfaccia e del compito in funzione delle modalita' di utilizzo e dei (presunti) bisogni dell'utente. Un esempio di tale tecnologia e' la funzione chiamata "Keyword suggestions" di Google, la quale, mentre digitiamo i termini della nostra ricerca, in automatico inizia a proporci una lista dei termini che piu' corrispondono a quelli che stiamo cercando, ordinati per popolarita'. Esempi analoghi sono: l'autocompletamento delle parole di Openoffice writer (che "apprende" le parole a mano a mano che vengono scritte e successivamente le suggerisce allo scrivente) oppure la tecnologia T9 per la scrittura negli apparecchi mobili. Anche i tag cloud utilizzati nel web facilitano la navigazione personalizzando in maniera adattiva la visualizzazione dei link pertinenti. (di Anna Galtinieri)